Maria Gioia Tavoni • Paolo Tinti • Paola Vecchi

L’Archivio O'.P.L.A! di Merano: un’oasi per libri d’artista per bambini*

di Barbara Nesticò

 

L’Archivio O'.P.L.A! (Oasi Per Libri d’Artista) nasce nel 1997 nell’ambito delle attività di promozione della lettura della Biblioteca Civica di Merano, che da sempre ha dedicato grande attenzione all’infanzia, sia curando particolarmente la selezione e l’acquisto dei libri per bambini sia promuovendo progetti ideati per questa speciale fascia di pubblico.

Una di queste iniziative è stata segnata dall’incontro fortunato con Marzia Corraini, editrice di libri per bambini (sua la prestigiosa casa editrice che pubblica tra l’altro Bruno Munari) ed esperta di arte contemporanea. Con lei è, infatti, nata l’idea di realizzare un luogo nel quale raccogliere ed archiviare tutti i libri che gli artisti hanno progettato per i bambini; durante la sua esperienza e nel corso dei suoi numerosi viaggi di lavoro, Marzia Corraini ha constatato un notevole interesse intorno a questo particolare argomento e riscontrato che molti esperti lamentavano il fatto che le informazioni su opere così speciali fossero frammentarie e non vi fosse un luogo che le conservasse in modo unitario.

Stiamo parlando di libri intesi come vere e proprie opere d’arte poiché espressione di un’estrema libertà creativa, che si concretizza in un’autonomia progettuale tale da consentire all’artista l’intervento in tutte le fasi della lavorazione: dalla scelta dei materiali da utilizzare, al formato, al tipo di impaginazione, alla grafica, alla rilegatura, e via così.

Numerosissimi sono infatti gli artisti che, nell’ambito del proprio percorso si sono confrontati anche in modo occasionale con il mondo dell’infanzia, realizzando libri spesso concepiti come doni, come gesti d’affetto estemporanei, totalmente svincolati dalle logiche di mercato in quanto oggetti difficili, se non impossibili, da riprodurre in serie.

L’Archivio O'.P.L.A! è diventato a poco a poco la casa di questo prezioso materiale che viene ricercato attraverso diversi canali, dal commercio di antiquariato alle aste on line, dai mercatini delle pulci al passaparola, non trascurando le informazioni dirette degli artisti che entrano in contatto con O'.P.L.A! attraverso le sue iniziative artistico-culturali.

Il percorso di O'.P.L.A! dal 1997 ad oggi non è stato semplice: si tratta di un progetto ambizioso, difficile da spiegare e da comprendere, a prima vista rivolto ad un pubblico di nicchia. Gli amministratori locali hanno dovuto faticare non poco per difendere tale rifugio dai tagli che purtroppo sempre più spesso si abbattono sui fondi destinati alla cultura. L’Archivio, per la sua intensa attività promozionale, per le occasioni di visibilità presso prestigiose istituzioni e per la partecipazione a manifestazioni in Italia e all’estero, ma soprattutto grazie all’organizzazione dei laboratori con gli artisti, ai quali in 15 anni di attività hanno partecipato generazioni di scolari e studenti meranesi, ha saputo radicarsi sul territorio e guadagnarsi il riconoscimento della cittadinanza. Celeberrimo sono alcuni nomi degli artisti ospitati a Merano, i quali hanno lavorato con i bambini: Eugenio Carmi, Tino Stefanoni, Steven Guarnaccia (autore del logo di O'.P.L.A! ), Paul Cox, Sophie Curtil, Nathalie du Pasquier, Richard Gorman e moltissimi altri.

Al di là dei grandi eventi eccezionali, l’attività quotidiana dell’Archivio consiste invece nella ricerca, nell’acquisizione e nella catalogazione dei libri d’artista per i bambini. Non ci si limita infatti ad acquisire l’opera di interesse ma, quando è possibile, se ne ricostruisce la storia editoriale, acquistando le varie edizioni nelle diverse lingue e in alcuni casi addirittura il progetto originale. Sono proprietà dell’Archivio tra l’altro alcune pagine autografe di Bruno Munari, una serie di disegni originali di Marcello Piccardo, un menabò di Marti Guixe.

Fino al 2010 l’Archivio ha prodotto annualmente un DVD che consentiva di sfogliare le singole opere (ogni libro/progetto veniva scansionato a bassa risoluzione pagina per pagina), oltre a fornire informazioni sull’artista e sul libro stesso; purtroppo la diffusione dell’ebook e la sempre più intricata questione legata al diritto d’autore, ha reso gli editori molto prudenti nel concedere le autorizzazioni necessarie all’Archivio per consentire la riproduzione dei testi e la realizzazione del DVD. L’attività dell’Archivio ha dunque dovuto giocoforza reinventarsi e trovare nuove strategie di comunicazione che ne favoriscano la conoscenza e la fruizione da parte di tutti coloro che volessero ricercare, prendere spunti, formulare ipotesi, scoprire tendenze e stili attraverso il materiale conservato.

Oltre naturalmente alla visita dell’Archivio a Merano (possibile su appuntamento), con l’iniziativa intitolata «O'.P.L.A! in tour» esiste dal 2011 l’opportunità per musei, biblioteche, scuole, gallerie d’arte ecc., di ospitare mostre con le opere dell’Archivio, organizzate per tematica e per dimensioni a seconda della struttura che le ospita.

Contemporaneamente proseguono i laboratori con gli artisti, punto di forza della ormai consolidata rassegna «1,2,3 O'.P.L.A!», tenutasi anche quest’anno dal 23 al 25 maggio a Merano e dedicata al libro d’artista per bambini. L’elenco dei laboratori, i dettagli su «O'.P.L.A!» in tour e molte altre informazioni sull’Archivio sono presenti sul sito www.opla.comune.merano.bz.it.

* Il presente testo trae spunto dall’intervento tenuto al Seminario «Biblioart. La didattica dell’arte in biblioteca», svoltosi a Bologna il 19 marzo 2012 e organizzato dalla sezione AIB dell’Emilia-Romagna, nell’ambito della Fiera del libro per ragazzi.